Seguici su Facebook!
Desidero iscrivermi alla newsletter di equociquà!

equoshop -
solo informazioni commerciali
equociquà! - informazioni su tutte le attività

Iscrivendoti alla nostra newsletter autorizzi il trattamento dei tuoi dati da parte di equociquà! (secondo il D.L. 196/2003 sulla privacy)









Statuto della cooperativa

TITOLO I
DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA
Art. 1 - Costituzione e denominazione
Art. 2 - Durata

TITOLO II
SCOPO - OGGETTO
Art. 3 - Scopo mutualistico
Art. 4 - Oggetto sociale

TITOLO III
SOCI COOPERATORI
Art. 5 - Soci cooperatori
Art. 6 - Categoria speciale di Soci
Art. 7 - Domanda di ammissione
Art. 8 - Obblighi dei soci
Art. 9 - Diritti dei soci
Art. 10 - Perdita della qualità di socio
Art. 11 - Recesso del socio
Art. 12 - Esclusione del socio
Art. 13 - Delibere di recesso ed esclusione
Art. 14 - Liquidazione della quota
Art. 15 - Morte del socio
Art. 16 - Termini di decadenza, limitazioni al rimborso, responsabilità dei Soci cessati

TITOLO IV
STRUMENTI FINANZIARI
Art. 17 - Strumenti finanziari
Art. 18 - Divieti ed obblighi

TITOLO V
RISTORNI
Art. 19 - Ristorni

TITOLO VI
PATRIMONIO SOCIALE ED ESERCIZIO SOCIALE
Art. 20 - Elementi costitutivi
Art. 21 - Caratteristiche delle quote
Art. 22 - Bilancio di esercizio
Art. 23 - Prestiti dei soci

TITOLO VII
RIUNIONI DEI SOCI E ORGANI SOCIALI
Art. 25 - Assemblee dei soci
Art. 26 - Funzioni dell'Assemblea
Art. 27 - Convocazione
Art. 28 - Costituzione e quorum deliberativi
Art. 29 - Votazioni
Art. 30 - Voto
Art. 31 - Presidenza dell'Assemblea
Art. 32 - Consiglio di Amministrazione
Art. 33 - Competenze e poteri
Art. 34 - Consiglio di Amministrazione: integrazione del Consiglio
Art. 35 - Consiglio di Amministrazione: compensi agli Amministratori
Art. 36 - Consiglio di Amministrazione: rappresentanza
Art. 37 - Collegio Sindacale
Art. 38 - Controllo contabile

TITOLO VIII
CONTROVERSIE
Art. 39 - Clausola arbitrale

TITOLO IX
SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE
Art. 40 - Scioglimento anticipato
Art. 41 - Devoluzione patrimonio finale
Art. 42 - Principi di mutualità, indivisibilità delle riserve e devoluzione

TITOLO X
DISPOSIZIONI GENERALI E FINALI
Art. 43 - Regolamenti

TITOLO I
DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA
Art. 1 - Costituzione e denominazione

E' costituita, con sede nel Comune di Roma, la Società cooperativa denominata "Equociquà! Società cooperativa sociale ONLUS".
Su deliberazione del consiglio di amministrazione, la società può trasferire la sede sociale nell'ambito del Comune di Roma.
La Cooperativa potrà istituire sedi secondarie, succursali, agenzie e rappresentanze, sia in Italia che all'estero, nei modi e termini di legge.

Torna all'inizio

Art. 2 - Durata
La Cooperativa ha durata fino al 31 dicembre 2046 e potrà essere prorogata o anticipata prima del termine con deliberazione dell'assemblea con le maggioranze previste per la modifica dello statuto, salvo il diritto di recesso per i soci dissenzienti.

Torna all'inizio

TITOLO II
SCOPO - OGGETTO
Art. 3 - Scopo mutualistico
La cooperativa si propone, attraverso le sue attività, di colmare il divario sociale ed economico tra il Nord e il Sud del mondo.

Essa, ai sensi dell'art. 1 della legge 8 novembre 1981 n° 381, non ha fini di lucro e ha lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana ed all'integrazione sociale dei cittadini, sviluppando fra essi lo spirito mutualistico e solidaristico, attraverso la gestione di servizi rientranti nella previsione di cui all'art. 1 comma 1 lettera A) della stessa.

La Cooperativa, mediante la solidale partecipazione dei soci e di tutto il gruppo sociale che ad essa fa riferimento, realizza le attività costituenti l'oggetto sociale in funzione e nel rispetto degli obiettivi della Legge 8 novembre 1991 n° 381, nonché del presente statuto.

In particolare, la cooperativa individua nell'effettiva affermazione dei diritti universali della persona umana, così come descritti nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite in data 10 dicembre 1948, il contenuto privilegiato dello scopo generale della comunità alla promozione umana. Inoltre, consapevole del ruolo che l'economia ha assunto all'interno della società contemporanea, saranno considerati in modo speciale i diritti economici e sociali contenuti nella medesima Dichiarazione.

La cooperativa ha lo scopo di promuovere sul territorio l'economia etica e solidale, attuare programmi, interventi di natura culturale ed azioni di imprenditoria sociale che favoriscano lo sviluppo umano, economico, sociale delle comunità locali e del Sud del mondo.

La cooperativa si propone, inoltre, di promuovere sul territorio il Commercio Equo e Solidale e la diffusione di quelle tipologie di beni e servizi che siano frutto di un processo produttivo rispettoso dell'uomo, dell'ambiente e delle sue risorse.

La cooperativa, tramite la gestione in forma associata, opera per fornire ai propri soci occasioni di lavoro e continuità di occupazione alle migliori condizioni economiche, sociali e professionali.

Su delibera dell'Organo amministrativo essa potrà aderire ad associazioni di rappresentanza riconosciute dal Movimento Cooperativo, partecipare a consorzi o ad altri organismi economici e cooperativistici, la cui attività risulti utile al conseguimento degli scopi sociali.

La cooperativa può svolgere la propria attività anche con terzi non soci.

Riguardo ai rapporti mutualistici la cooperativa deve rispettare il principio della parità di trattamento tra i soci cooperatori.

Torna all'inizio

Art. 4 - Oggetto sociale
La Cooperativa ha per oggetto:

A) la gestione di attività sociali educative e formative a favore dei propri soci e di utenti diversi, soprattutto se portatori di interessi sociali ed economici svantaggiati;

B) lo svolgimento di attività (commerciali e di servizi socio-educativi) che consentano ai soci e/o ai terzi consumatori un rapporto il più possibile diretto con gruppi associati di produttori svantaggiati di aree marginali del mondo, cooperative, consorzi e gruppi autogestiti, volto a permettere ai primi di fruire dei prodotti dei secondi e ai secondi di accedere al mercato a condizioni eque, nel rispetto delle norme della "Organizzazione Internazionale del Lavoro" (OIL) e della "Carta italiana del Commercio Equo e Solidale", attraverso la propria rete di "Botteghe del Mondo", nonché i terminali sul territorio a favore dei soci e dei terzi consumatori.

C) la diffusione delle più ampie conoscenze sullo sviluppo sostenibile, in particolare nei seguenti settori: 1) commercio equo e solidale con produttori di paesi e regioni economicamente svantaggiati; 2) finanza etica; 3) turismo responsabile; 4) soggetti finalizzati al recupero di situazioni di disagio ed emarginazione; 5) corretto rapporto essere umano-ambiente; 6) risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili; 7) non violenza; 8) intercultura. La diffusione di tali conoscenze si attua con la realizzazione e la distribuzione di beni e servizi (oltre a materiale informativo come pubblicazioni, strumenti multimediali, ecc.), provenienti dai soggetti svantaggiati, che attivino processi di crescita nei settori di produzione, ottenendo per i propri soci e fruitori anche opportunità di acquisto di particolari categorie di prodotti e servizi a condizioni vantaggiose, nel rispetto degli scopi della cooperativa.

D) promuovere la forma di distribuzione commerciale ispirata ai valori sociali del Commercio Equo e Solidale basato sul pagamento di prezzi equi dei prodotti provenienti dai Paesi Economicamente Meno Sviluppati e su rapporti di cooperazione duraturi e paritari, prevenendo in tal modo lo sfruttamento lavorativo e commerciale dei produttori di aree svantaggiate del mondo.

In particolare, per il conseguimento dello scopo sociale, la Cooperativa può:

  • gestire Botteghe del Mondo con le finalità descritte sopra;
  • produrre e commercializzare prodotti artigianali, anche alimentari, provenienti da attività finalizzate alla socializzazione e al recupero di soggetti svantaggiati;
  • svolgere attività di vendita e di intermediazione di beni e prodotti dell'economia solidale acquistati o importati direttamente o tramite terzi, curandone la distribuzione sul territorio nazionale od estero;
  • svolgere attività di informazione, di promozione e di organizzazione di seminari e corsi di formazione professionale, sociale e culturale, anche in collegamento o con il contributo di enti pubblici e privati, di produzione e di distribuzione di materiale informativo, pubblicazioni, libri, riviste e opuscoli, ad eccezione della stampa di quotidiani, per incentivare la diffusione fra i soci e i terzi delle più ampie conoscenze riguardanti:
    - i produttori, la loro organizzazione e la loro realtà sociale, comprendendo informazioni sulla realtà economica, politica e sociale presente e passata dei paesi di origine, e, più in generale, dei paesi e delle regioni economicamente svantaggiate;
    - le caratteristiche e la tecnica produttiva dei beni;
    - tutte le altre materie attinenti agli scopi della Cooperativa.
  • promuovere e gestire centri di aggregazione sociale, educativa, culturale, ricreativa, etc., eventualmente con annessi pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande, sale di ritrovo e di ricreazione che accrescano il benessere e il grado di integrazione sociale dei propri soci, delle loro famiglie e della comunità in genere;
  • svolgere, direttamente o in collaborazione con altri enti, pubblici o privati, attività produttive di manipolazione e trasformazione di beni alimentari, artigianali e di vario genere, nonché provvedere alla fornitura di servizi, anche attraverso la gestione di punti vendita e magazzini di conservazione e distribuzione delle merci;
  • svolgere attività di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti prevalentemente provenienti dal commercio equo e solidale o da produzione biologica a mezzo di gestione di bar, servizio di ristorazione e catering;
  • promuovere campagne di sensibilizzazione all'acquisto dei prodotti commercializzati, quale mezzo immediato e concreto per sostenere progetti di vita e sviluppo, anche attraverso l'organizzazione di manifestazioni, spettacoli, mostre, viaggi, escursioni e altri momenti di aggregazione, anche in collaborazione o con il contributo di enti pubblici e privati;
  • promuovere, organizzare e gestire corsi di formazione professionale, sociale e culturale, anche in collegamento con enti pubblici ed enti privati, per incentivare la competenza tecnica dei propri soci, operatori e terzi nelle materie oggetto della Cooperativa, nonché concorrere alla formazione cooperativa anche con il contributo della UE;
  • promuovere organizzare e gestire conferenze, seminari, corsi, anche presso scuole, enti pubblici e privati sui temi sopra indicati, in conto proprio e per conto terzi;
  • realizzare attività di ricerca, di sensibilizzazione e di promozione su tematiche e/o aspetti concernenti le aree di intervento della Cooperativa sopra enucleate, anche mediante pubblicazioni (articoli, quaderni, libri, etc.) e strumenti multimediali, ad eccezione della stampa di quotidiani;
  • organizzare, gestire e promuovere attività di informazione, formazione e sperimentazione di pratiche di soluzione non violenta dei conflitti e di educazione alla pace;
  • diffondere e organizzare iniziative di solidarietà internazionale;
  • stimolare lo spirito di previdenza e risparmio dei soci, istituendo una sezione di attività, retta da apposito regolamento da approvarsi dall'assemblea generale dei soci, per la raccolta dei prestiti, limitatamente ai soli soci, conformemente a quanto previsto dall'art. 11 del D. Lgs. N. 385/93 (Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia), dalle relative disposizioni di attuazione e successive modificazioni; tale raccolta del risparmio, nei limiti anzidetti, sarà effettuata esclusivamente ai fini del conseguimento dell'oggetto sociale. È pertanto tassativamente vietata la raccolta del prestito tra il pubblico, sotto ogni forma, in ossequio alla normativa vigente.  I prestiti sociali potranno essere fruttiferi o infruttiferi di interessi, a scelta del socio conferente.  Il tasso di interesse sui prestiti fruttiferi verrà determinato dal consiglio di amministrazione nei limiti della normativa vigente.  Il socio potrà scegliere di essere remunerato anche con un tasso inferiore a quello stabilito dal consiglio di amministrazione.

La Cooperativa, al fine del conseguimento dell'oggetto sociale, potrà inoltre:

  • acquistare e/o gestire immobili, ad uso diverso da abitazione, atti ad ospitare tutte le attività e le iniziative svolte dalla cooperativa o da soggetti terzi, nel rispetto degli scopi sociali;
  • noleggiare impianti di amplificazione, illuminazione, macchine da proiezione e quant'altro utile e necessario per l'organizzazione di manifestazioni culturali, teatrali, artistiche o di tempo libero in generale;
  • compiere qualsiasi attività mobiliare, immobiliare, finanziaria e commerciale, contrarre e concedere finanziamenti, anche infruttiferi e mutui anche ipotecari, rilasciare fideiussioni e in genere porre in essere tutti gli atti ritenuti necessari e utili, purché nei modi e nei termini dalle leggi vigenti e dal presente Statuto;
  • consorziarsi ad altre cooperative, che svolgono attività analoghe e comunque accessorie alla attività sociale;
  • aderire ad organizzazioni di categoria, ad organismi economici, anche con scopi consortili e fideiussori, per il raggiungimento degli scopi sociali e per coordinare le attività previdenziali, assistenziali, ricreative e mutualistiche;
  • costituire, in quanto consentito dalla legge, società di qualunque tipo, enti, consorzi, acquisire partecipazioni al capitale sociale e interessenze in altre società, consorzi o enti aventi scopi analoghi, connessi o affini al proprio o comunque compatibili con il conseguimento dell'oggetto sociale della cooperativa, incluse l'acquisto e il rimborso di quote proprie, l'acquisto e la vendita di azioni e/o quote di società controllate, collegate e partecipate (anche se detenute dai soci cooperatori e da dipendenti delle stesse);
  • effettuare in qualunque forma tutte le iniziative economiche e finanziarie che, nel rispetto dello scopo mutualistico della cooperativa, siano dirette ad agevolare e a rendere maggiormente efficace l'attività dei soci cooperatori;
  • cooperare con altre cooperative, associazioni, gruppi, istituzioni pubbliche e private di qualsiasi nazionalità, purché perseguano analoghe finalità o siano comunque in sintonia con lo spirito della cooperativa;
  • partecipare, anche con oblazioni a tutte quelle iniziative idonee a diffondere e a rafforzare con l'esempio, nei rapporti tra soci e in quelli fra essi e gli altri cittadini, i principi del mutuo aiuto e i legami di solidarietà;
  • ricevere liberalità per essere impiegate al fine del raggiungimento degli scopi sociali;
  • raccogliere fondi, donazioni, e contributi da soci, da enti e da singoli privati per destinarli alle attività sociali;
  • svolgere qualunque attività connessa ed affine a quelle sopra elencate, necessarie ed utile alla realizzazioni degli scopi sociali e comunque, sia direttamente che indirettamente, attinente ai medesimi.

Torna all'inizio

TITOLO III
SOCI COOPERATORI
Art. 5 - Soci cooperatori
Il numero dei Soci è illimitato e non può essere inferiore al minimo stabilito dalla legge.

Possono essere soci tutte le persone fisiche aventi la capacità di agire, ed in particolare coloro che abbiano maturato una capacità professionale nei settori di cui all'oggetto della Cooperativa o che comunque possano collaborare al raggiungimento dei fini sociali con la propria attività lavorativa o professionale.

Possono altresì essere soci le società e gli enti in qualsiasi forma costituiti, nei limiti previsti dalla legge, a condizione che non esercitino in proprio attività in concorrenza con quella della cooperativa, salvo diversa e motivata deliberazione del consiglio di amministrazione.

I Soci della Cooperativa potranno essere così suddivisi:

A) Soci Ordinari, che sottoscrivono una o più quote sociali ai fini dello svolgimento dello scambio mutualistico e all'effettiva partecipazione del socio all'attività economica della cooperativa;
I soci ordinari sono:
- Soci Lavoratori, che per le loro capacità, attitudini e specializzazione, possono instaurare con la cooperativa un ulteriore rapporto di lavoro, in forma subordinata o autonoma, nelle diverse tipologie previste dalla legge, ovvero in qualsiasi altra forma consenta la legislazione italiana.
Le modalità di svolgimento delle prestazioni lavorative dei soci sono disciplinate da un apposito regolamento, approvato ai sensi dell'art. 6 della legge del 30 aprile 2001 n°142;

- Soci Utenti, i quali si avvalgono dei beni e dei servizi forniti dalla cooperativa stessa, i quali possono accedere alle opportunità di acquisto dei beni e/o di fruizione dei servizi che la cooperativa mette a disposizione dei soci secondo le politiche e le strategie di vendita decise dagli amministratori; 

B) Soci Volontari che, ai sensi dell'art. 2 della Legge n. 381/91, prestano gratuitamente la loro attività lavorativa a favore della società.  I soci volontari sono iscritti in un apposita sezione del libro dei soci e il loro numero non può superare la metà del numero complessivo dei soci.
Ai soci volontari può essere corrisposto soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate, sulla base di parametri stabiliti dal consiglio d'amministrazione per la totalità dei soci.
Le prestazioni dei soci volontari possono essere utilizzate in misura complementare e non sostitutiva rispetto ai parametri di impiego di operatori professionali previsti dalle disposizioni vigenti.

Non possono essere soci coloro che svolgano un'attività effettivamente concorrente o in contrasto con quella della cooperativa stessa. A tal fine, l'organo amministrativo dovrà valutare i settori ed i mercati economici in cui operano i soci, nonché le loro dimensioni imprenditoriali.

Non possono essere soci coloro che svolgono attività di intermediazione o che conducano in proprio esercizi commerciali della stessa natura della cooperativa.

Qualora siano presenti i presupposti di legge per la loro ammissione, possono essere soci le persone giuridiche nei cui statuti sia previsto il finanziamento e lo sviluppo di società cooperative sociali.

Torna all'inizio

Art. 6 - Categoria speciale di Soci
L'organo amministrativo può deliberare, ai sensi dell'art. 2527, comma 3 del codice civile, l'ammissione di nuovi soci cooperatori in una categoria speciale in ragione dell'interesse:

a) alla loro formazione professionale;

b) al loro inserimento nell'impresa.

Nel caso di cui alla lettera a) del comma 1, l'organo amministrativo può ammettere alla categoria dei soci speciali coloro che debbano completare o integrare la loro formazione professionale in ragione del perseguimento degli scopi sociali ed economici, in coerenza con le strategie di medio e lungo periodo della cooperativa.

Nel caso di cui alla lettera b) del comma 1, l'organo amministrativo può ammettere alla categoria dei soci speciali coloro che sono in grado di concorrere, ancorchè parzialmente, al raggiungimento degli scopi sociali ed economici, in coerenza con le strategie di medio e lungo periodo della cooperativa.

La delibera di ammissione dell'organo amministrativo, in conformità con quanto previsto da apposito regolamento, stabilisce:

1. la durata del periodo di formazione o di inserimento del socio speciale;

2. i criteri e le modalità attraverso i quali si articolano le fasi di formazione professionale o di inserimento nell'assetto produttivo della cooperativa;

3. le azioni o la quota che il socio speciale deve sottoscrivere al momento dell'ammissione.

Ai soci speciali può essere erogato il ristorno, previsto dall'articolo 19, anche in misura inferiore ai soci ordinari, in relazione ai costi di formazione professionale o di inserimento nell'impresa cooperativa. Ai soci speciali non spetta comunque l'attribuzione dei ristorni nelle forme di aumento del capitale sociale. 

Il socio appartenente alla categoria speciale ha diritto di partecipare alle assemblee ed esercita il diritto di voto solamente in occasione delle assemblee ordinarie convocate per l'approvazione del bilancio. Non può rappresentare in assemblea altri soci.

Il socio appartenente alla categoria speciale non può essere eletto amministratore. 

I soci speciali non possono esercitare i diritti previsti dall'articolo 2422, 2545 e 2476 del codice civile.

I soci speciali possono recedere nei casi previsti dalla legge e dall'articolo 11 del presente statuto. Il recesso ha effetto per quanto riguarda il rapporto sociale e il rapporto mutualistico dalla comunicazione del provvedimento di accoglimento della domanda.

I soci speciali possono essere esclusi, anche prima della data di scadenza del periodo di formazione od inserimento, nei casi previsti dalla legge e dall'articolo 12 del presente statuto, nonché nei seguenti casi:

a) inosservanza dei doveri inerenti la formazione;

b) inosservanza dei doveri di leale collaborazione con la compagine societaria;

c) mancato adeguamento agli standard produttivi o comunque l'inadeguatezza del Socio, alla luce dei risultati raggiunti nell'attività svolta, con conseguente inopportunità del suo inserimento nell'impresa.

Alla data di scadenza del periodo di formazione od inserimento, il socio speciale è ammesso a godere i diritti che spettano agli altri soci cooperatori a condizione che, come previsto dal regolamento e dalla delibera di ammissione, egli abbia rispettato i doveri inerenti la formazione professionale, conseguendo i livelli qualitativi prestabiliti dalla cooperativa, ovvero abbia rispettato gli impegni di partecipazione all'attività economica della cooperativa, finalizzati al proprio inserimento nell'organizzazione aziendale. In tal caso, l'organo amministrativo deve comunicare la delibera di ammissione in qualità di socio ordinario all'interessato, secondo le modalità e con gli effetti previsti dall'articolo 7.

In caso di mancato rispetto dei suddetti livelli, l'organo amministrativo può deliberare il provvedimento di esclusione nei confronti del socio speciale secondo i termini e le modalità previste dall'articolo 12.

Torna all'inizio

Art. 7 - Domanda di ammissione
Chi intende essere ammesso come socio dovrà presentare all'organo amministrativo domanda scritta che dovrà contenere, se trattasi di persone fisiche:

  1. l'indicazione del nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, codice fiscale e/o partita IVA;
  2. l'indicazione della effettiva attività svolta, della condizione professionale, delle specifiche competenze possedute;
  3. i motivi della richiesta e la tipologia di socio a cui si chiede di essere iscritto;
  4. l'ammontare del capitale che propone di sottoscrivere, il quale non dovrà comunque essere inferiore né superiore ai limiti di legge;
  5. la dichiarazione di conoscere ed accettare integralmente il presente Statuto e di attenersi alle delibere legalmente adottate dagli organi sociali.

Se trattasi di società, associazioni od enti, oltre a quanto previsto nei precedenti punti b), c), d), e) ed f) relativi alle persone fisiche, la domanda di ammissione dovrà contenere le seguenti informazioni:

  1. la ragione sociale o la denominazione, la forma giuridica e la sede legale;
  2. la deliberazione dell'organo sociale che ha autorizzato la domanda;
  3. la qualità della persona che sottoscrive la domanda.

L'organo amministrativo, accertata l'esistenza dei requisiti di cui al precedente articolo 5, delibera sulla domanda secondo criteri non discriminatori, coerenti con lo scopo mutualistico e con l'attività economica svolta.

La delibera di ammissione deve essere comunicata all'interessato e annotata, a cura dell'organo amministrativo, sul libro soci.

L'organo amministrativo deve, entro sessanta (60) giorni, motivare la delibera di rigetto della domanda di ammissione e comunicarla agli interessati.

Qualora l'accoglimento della domanda di ammissione - anche di quella relativa a soci appartenenti alla categoria speciale di cui al precedente articolo 6 - determini il superamento dei limiti previsti dall'articolo 2519, comma 2, del codice civile e, conseguentemente, l'obbligo per la cooperativa di applicare le disposizioni in materia di società per azioni, gli amministratori devono convocare l'assemblea per la modificazione dello statuto.

In tal caso, la delibera di ammissione deve essere comunicata all'interessato e annotata a cura degli amministratori nel libro dei soci dopo che l'assemblea abbia proceduto alla modificazione dello statuto.

In caso di rigetto della domanda di ammissione, gli amministratori devono motivare entro sessanta giorni la relativa delibera e comunicarla all'interessato. In tal caso, l'aspirante socio può, entro sessanta giorni dalla comunicazione, chiedere che sulla domanda di ammissione si pronunci l'assemblea dei soci in occasione della sua prima successiva convocazione.

Nel caso di deliberazione difforme da quella dell'organo amministrativo, quest'ultimo è tenuto a recepire quanto stabilito dall'assemblea con deliberazione da assumersi entro trenta giorni dalla data dell'assemblea stessa.

L'organo amministrativo illustra nella relazione di bilancio le ragioni delle determinazioni assunte con riguardo all'ammissione di nuovi soci.

Torna all'inizio

Art. 8 - Obblighi dei soci
I soci sono obbligati:

  1. al versamento:
    - della quota sottoscritta con le modalità e nei termini previsti dal successivo art. 20;
    - della eventuale tassa di ammissione, a titolo di rimborso delle spese di istruttoria della domanda di ammissione;
    - del sovrapprezzo, eventualmente determinato dall'assemblea in sede di approvazione del bilancio su proposta degli amministratori;
  2. all'osservanza dello statuto, dei regolamenti interni e delle deliberazioni legalmente adottate dagli organi sociali;
  3. a mettere a disposizione le loro capacità professionali e il loro lavoro in relazione al tipo e allo stato dell'attività svolta, nonché alla quantità delle prestazioni di lavoro disponibile per la cooperativa stessa, come previsto nell'ulteriore rapporto instaurato e ferme restando le esigenze della cooperativa.

Per tutti i rapporti con la cooperativa il domicilio dei soci è quello risultante dal libro soci.

Torna all'inizio

Art. 9 - Diritti dei soci
I soci che non partecipano all'amministrazione hanno diritto, su richiesta, di avere dagli amministratori notizie sullo svolgimento degli affari sociali e di consultare, anche tramite professionisti di loro fiducia, i libri sociali e i documenti relativi all'amministrazione.

Torna all'inizio

Art. 10 - Perdita della qualità di socio
La qualità di socio si perde:

  1. per recesso, esclusione, fallimento o per causa di morte, se il socio è persona fisica;
  2. per recesso, esclusione, fallimento, scioglimento o liquidazione se il socio è diverso da persona fisica.

Torna all'inizio

Art. 11 - Recesso del socio
Oltre che nei casi previsti dalla legge, può recedere il socio:

  1. che abbia perduto i requisiti per l'ammissione;
  2. che non si trovi più in grado di partecipare al raggiungimento degli scopi sociali;
  3. il cui rapporto di lavoro - subordinato, autonomo o di altra natura - o l'attività di volontariato presso la cooperativa sia cessato per qualsiasi motivo.

La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con raccomandata alla società.

Spetta all'organo amministrativo constatare, entro sessanta giorni dalla comunicazione di recesso, se ricorrano i motivi che, a norma della legge e del presente statuto, legittimino il recesso.

Qualora i presupposti del recesso non sussistano, gli amministratori devono darne immediata comunicazione al socio che, entro sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione, può attivare le procedure arbitrali di cui al successivo articolo 39.

Il recesso ha effetto per quanto riguarda il rapporto sociale dalla comunicazione del provvedimento di accoglimento della domanda, trasmessa all'interessato mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

Per quanto riguarda i rapporti mutualistici, salva diversa e motivata delibera del consiglio di amministrazione, il recesso ha effetto con la chiusura dell'esercizio in corso, se comunicato tre mesi prima, e in caso contrario, con la chiusura dell'esercizio successivo.

Torna all'inizio

Art. 12 - Esclusione del socio
L'esclusione sarà deliberata dall'organo amministrativo, oltre che nei casi previsti dalla legge, nei confronti del socio:

  1. che perda i requisiti per l'ammissione della cooperativa;
  2. che non sia più in condizione di svolgere l'attività lavorativa dedotta nel contratto sociale, che abbia subito un provvedimento di licenziamento per un giustificato motivo oggettivo nell'ambito delle fattispecie disciplinate da norme di legge ai fini dell'erogazione di strumenti pubblici a sostegno del reddito dei lavoratori;
  3. che non adempia alla propria prestazione mutualistica con diligenza e comunque, nel caso di Socio lavoratore, qualora incorra in una della cause di interruzione del rapporto di lavoro previsto nel CCNL di riferimento, indicato dai regolamenti ai sensi dell'articolo 6 della legge 142/01 e, nel caso di Socio volontario, che abbia cessato l'attività di volontariato presso la Cooperativa;
  4. che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, dei regolamenti sociali, delle deliberazioni legalmente adottate dagli organi sociali, con inadempimenti che non consentano la prosecuzione del rapporto;
  5. che, senza giustificato motivo, si renda moroso nel versamento delle quote sociali sottoscritte o nei pagamenti di eventuali debiti contratti ad altro titolo verso la società;
  6. he venga a trovarsi in una delle situazioni di incompatibilità previste dall'articolo 4, o che comunque svolga o tenti di svolgere attività in concorrenza alla cooperativa, senza l'esplicita autorizzazione del consiglio di amministrazione.

Contro la deliberazione di esclusione il socio, entro sessanta giorni dalla comunicazione inviata mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, può attivare le procedure arbitrali di cui all'articolo 39.

L'esclusione diventa operante dall'annotazione nel libro dei soci, da farsi a cura degli Amministratori.

Torna all'inizio

Art. 13 - Delibere di recesso ed esclusione
Le delibere assunte in materia di recesso ed esclusione sono comunicate ai Soci destinatari mediante raccomandata con ricevuta di ritorno. Le controversie che insorgessero tra i Soci e la Cooperativa in merito ai provvedimenti adottati dall'organo amministrativo su tali materie sono demandate alla decisione del Collegio Arbitrale, regolato dall'articolo 39 del presente Statuto.

Torna all'inizio

Art. 14 - Liquidazione della quota
I soci receduti od esclusi hanno soltanto il diritto al rimborso del capitale da essi effettivamente versato ed eventualmente rivalutato ai sensi dei successivi articoli 19 e 22, lettera c), la cui liquidazione - eventualmente ridotta in proporzione alle perdite imputabili al capitale - avrà luogo sulla base del bilancio dell'esercizio nel quale si è verificato lo scioglimento del rapporto sociale.

La liquidazione comprende anche il rimborso del sovrapprezzo, ove versato, qualora sussista nel patrimonio della cooperativa e non sia stato destinato ad aumento gratuito del capitale ai sensi dell'articolo 2545-quinquies del codice civile.

Il pagamento deve essere fatto entro 180 giorni dall'approvazione del bilancio stesso.

La liquidazione o il rimborso della frazione di capitale assegnata al socio ai sensi del successivo articolo 19, può essere corrisposta in più rate, unitamente agli interessi legali, entro un termine massimo di cinque anni.

Il socio receduto od escluso ha altresì diritto, nei termini previsti per il rimborso del capitale di cui al precedente comma, all'assegnazione di un ulteriore importo il cui valore sia pari alla quota parte delle riserve divisibili allo stesso spettante, solo quando il rapporto tra patrimonio netto e il complessivo indebitamento della cooperativa sia superiore ad un quarto.

Torna all'inizio

Art. 15 - Morte del socio
In caso di morte del socio, gli eredi o legatari del socio defunto hanno diritto di ottenere il rimborso delle quote interamente liberate, eventualmente rivalutate, nella misura e con le modalità di cui al precedente articolo 14.

Gli eredi e legatari del socio deceduto dovranno presentare, unitamente alla richiesta di liquidazione del capitale di spettanza, atto notorio o altra idonea documentazione, dalla quale risulti chi sono gli aventi diritto.

Nell'ipotesi di più eredi o legatari, essi, entro 6 mesi dalla data del decesso, dovranno indicare quello tra essi che li rappresenterà di fronte alla Società.

In difetto di tale designazione si applica l'art. 2347, commi 2 e 3 del codice civile.

Gli eredi provvisti dei requisiti per l'ammissione alla Società possono richiedere di subentrare nella partecipazione del socio deceduto previa deliberazione dell'Organo amministrativo che ne accerta i requisiti con le modalità e le procedure di cui al precedente art. 7. In mancanza, si provvede alla liquidazione ai sensi dell'art. 14.

Torna all'inizio

Art. 16 - Termini di decadenza, limitazioni al rimborso, responsabilità dei Soci cessati
I soci receduti od esclusi e gli eredi del socio deceduto dovranno richiedere il rimborso della quota versata entro 1 anno dalla data di approvazione del bilancio dell'esercizio nel quale lo scioglimento del rapporto sociale è divenuto operativo.

Le quote per le quali non sarà richiesto il rimborso nel termine suddetto saranno devolute con deliberazione del consiglio d'amministrazione al fondo di riserva legale.

I Soci esclusi per i motivi indicati nell'art. 12, dovranno provvedere al risarcimento dei danni ed al pagamento dell'eventuale penale, ove determinata dal regolamento.

La Cooperativa può compensare con il debito derivante dal rimborso delle azioni, del sovrapprezzo, o del pagamento della prestazione mutualistica e del rimborso dei prestiti, il credito derivante da penali, ove previste da apposito regolamento, da risarcimento danni e da prestazioni mutualistiche fornite anche fuori dai limiti di cui all'art. 1243 del codice civile.

Torna all'inizio

TITOLO IV
STRUMENTI FINANZIARI
Art. 17 - Strumenti finanziari
Con deliberazione dell'assemblea, assunta con le modalità di cui all'articolo 2480 c.c., la Cooperativa può emettere titoli di debito, nonché strumenti privi di diritti di amministrazione, ad investitori professionali soggetti a vigilanza prudenziale e ad investitori qualificati rispettivamente ai sensi dell'articolo 2483 c.c. e dell'articolo 111-octies delle d.a.t..

In tal caso, con apposito regolamento approvato dalla stessa assemblea, sono stabiliti:

  • l'importo complessivo dell'emissione, il numero dei titoli emessi ed il relativo valore nominale unitario;
  • le eventuali modalità di circolazione, nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 2483 c.c.;
  • criteri di determinazione del rendimento e le modalità di corresponsione degli interessi ovvero di partecipazione agli utili;
  • l'eventuale termine di scadenza e le modalità di rimborso.

La deliberazione dell'assemblea stabilisce altresì i compiti che vengono attribuiti all'organo amministrativo ai fini del collocamento dei titoli.

All'assemblea speciale dei possessori dei titoli di cui al presente articolo ed al relativo rappresentante comune si applica quanto previsto dagli articoli 2363 e seguenti c.c., in quanto compatibili con le successive disposizioni del presente statuto.

Torna all'inizio

Art. 18 - Divieti ed obblighi
(art 2514 c.c.  requisiti delle cooperative a mutualità prevalente)
E' fatto:

  1. divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all'interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato;
  2. divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi;
  3. divieto di distribuire le riserve fra i soci cooperatori;
  4. l'obbligo di devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell'intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione.

Torna all'inizio

 TITOLO V
RISTORNI
Art. 19 - Ristorni
L'assemblea che approva il bilancio può deliberare, su proposta dell'organo amministrativo, il ristorno ai soci cooperatori, nel rispetto dei limiti e delle condizioni stabilite dalla normativa vigente, dalle disposizioni del presente statuto e dal relativo apposito regolamento.

Il ristorno è ripartito tra i soci cooperatori proporzionalmente alla qualità e alla quantità degli scambi mutualistici, in conformità con i criteri stabiliti dall'apposito regolamento, i quali - in via generale - debbono considerare:

  • erogazione a titolo di ristorno nella misura non superiore al 30% dei trattamenti retributivi;
  • aumento gratuito del capitale sociale;
  • distribuzione gratuita di azioni di partecipazione cooperativa.

L'assemblea può deliberare la ripartizione dei ristorni a ciascun socio:

  • in forma liquida;
  • mediante aumento proporzionale delle rispettive quote

Torna all'inizio

TITOLO VI
PATRIMONIO SOCIALE ED ESERCIZIO SOCIALE
Art. 20 - Elementi costitutivi
Il patrimonio della cooperativa è costituito:

  • dal capitale sociale, che è variabile ed è formato dai conferimenti effettuati dai soci ordinari, rappresentati da quote, ciascuna del valore minimo stabilito dalla legge.
  • dagli strumenti privi di diritti di amministrazione di cui al precedente articolo 17;
  • dalla riserva legale formata con gli utili di cui all'articolo 22 e con il valore delle quote eventualmente non rimborsate ai soci receduti od esclusi ed agli eredi dei soci deceduti;
  • dall'eventuale sovrapprezzo formato con le somme versate dai soci ai sensi del precedente articolo 8;
  • dalla riserva straordinaria;
  • da ogni altro fondo di riserva costituito dall'assemblea e/o previsto per legge;
  • da qualsiasi contributo o liberalità, da imputarsi a riserva straordinaria, che provenga alla società a titolo gratuito per essere impiegata al fine del raggiungimento degli scopi sociali.

Per le obbligazioni sociali risponde soltanto la cooperativa con il suo patrimonio e, conseguentemente, i soci nel limite delle quote sottoscritte.

Le riserve sono indivisibili e, conseguentemente, non possono essere ripartite tra i soci cooperatori durante la vita della cooperativa, né all'atto del suo scioglimento.

Torna all'inizio

Art. 21 - Caratteristiche delle quote
Le quote non possono essere sottoposte a pegno o a vincoli volontari, né essere cedute senza l'autorizzazione dell'organo amministrativo.

Il socio che intenda trasferire le proprie quote deve darne comunicazione all'organo amministrativo con lettera raccomandata. Salvo espressa autorizzazione dell'organo amministrativo, la cessione può essere effettuata esclusivamente per l'intera quota detenuta dal socio.

Il provvedimento dell'organo amministrativo deve essere comunicato al socio entro sessanta giorni dal ricevimento della richiesta, decorsi i quali il socio è libero di trasferire la propria partecipazione e la cooperativa deve iscrivere nel libro dei soci l'acquirente, a condizione che lo stesso abbia i requisiti previsti dall'articolo 5.

In caso di diniego dell'autorizzazione, l'organo amministrativo deve motivare la relativa delibera e comunicarla entro sessanta giorni al socio interessato, il quale, entro i successivi sessanta giorni dalla comunicazione, può attivare le procedure arbitrali di cui all'articolo 39.

Torna all'inizio

Art. 22 - Bilancio di esercizio
L'esercizio sociale va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Alla fine di ogni esercizio sociale l'organo amministrativo provvede alla redazione del bilancio, previo esatto inventario, da compilarsi in conformità ai principi di legge.

Il bilancio deve essere presentato all'assemblea dei soci per l'approvazione entro centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale, ovvero entro centottanta giorni qualora ricorrano le condizioni di cui all'ultimo comma dell'articolo 2364 c.c., certificate dall'organo amministrativo in sede di relazione sulla gestione.

L'assemblea che approva il bilancio delibera sulla distribuzione degli utili annuali destinandoli:

  1. a riserva legale nella misura non inferiore a quella prevista dalla legge;
  2. al Fondo mutualistico per la promozione e lo sviluppo della cooperazione di cui all'art. 11 della legge 31.1.92 n° 59, nella misura del 3%;
  3. a rivalutazione gratuita del capitale sociale, nei limiti ed alle condizioni previsti dall'art. 7 della legge 31 gennaio 1992, n° 59;
  4. ad eventuale ripartizione dei ristorni nel rispetto dei limiti e delle modalità previste dal precedente articolo 19;
  5. ad eventuale remunerazione del capitale sociale effettivamente versato, in misura non superiore al limite stabilito dalla legge ai fini del riconoscimento dei requisiti mutualistici;
  6. ad eventuale remunerazione degli strumenti privi di diritti di amministrazione di cui al precedente articolo 17;
  7. la restante parte a riserva straordinaria ovvero ai fondi di cui alla lettera f) e g) dell'art. 20.

Gli utili debbono essere prevalentemente destinati a finalità mutualistiche intendendo per tali l'incremento delle riserve di natura indivisibile, il contributo al Fondo mutualistico e l'erogazione del ristorno.

La ripartizione di ristorni ai soci cooperatori, ai sensi del precedente articolo 19, è consentita solo una volta effettuate le destinazioni degli utili di cui alle precedenti lettere a), b) ed f).

In presenza di azioni emesse in favore di soci finanziatori, qualora deliberi la ripartizione dei ristorni ai soci cooperatori, l'assemblea che approva il bilancio deve deliberare la destinazione degli utili di cui alla precedente lettera f).

Torna all'inizio

Art. 23 - Prestiti dei soci
La Società potrà ricevere prestiti dai Soci alle condizioni previste dalle leggi speciali in materia e secondo apposito regolamento interno approvato dall'Assemblea. I prestiti sociali potranno essere fruttiferi o infruttiferi di interessi, a scelta del Socio conferente.

Il tasso di interesse massimo sui prestiti fruttiferi verrà determinato dal Consiglio di Amministrazione nei limiti di cui alla norma vigente. Il Socio potrà scegliere di essere remunerato anche con un tasso inferiore a quello massimo stabilito dal Consiglio di Amministrazione.

Torna all'inizio

TITOLO VII
RIUNIONI DEI SOCI E ORGANI SOCIALI
Art. 24 - Organi della Società
Sono organi della Società:

  1. l'Assemblea dei soci;
  2. il Consiglio di Amministrazione;
  3. il Collegio Sindacale o il Revisore Contabile, se nominati.

Torna all'inizio

Art. 25 - Assemblee dei soci
Le Assemblee possono tenersi anche fuori dalla sede sociale, purché in Italia.

L'assemblea, regolarmente costituita, rappresenta l'universalità dei soci e le sue deliberazioni prese, in conformità alla legge e al presente statuto, obbligano tutti i soci, ancorchè non intervenuti o dissenzienti.

Torna all'inizio

Art. 26 - Funzioni dell'Assemblea
L'assemblea decide sulle materie riservate alla sua competenza dalla legge, dal presente statuto, nonché sugli argomenti che uno o più amministratori o tanti soci, che rappresentino almeno un terzo del numero complessivo degli aventi diritto al voto, sottopongono alla loro approvazione.

In ogni caso sono riservate alla competenza dei soci:

  1. l'approvazione del bilancio, la ripartizione del ristorno e la distribuzione degli utili;
  2. la nomina degli amministratori e il loro numero, nei limiti stabiliti dall'art. 32 del presente statuto;
  3. l'eventuale nomina del Collegio Sindacale e del suo Presidente e, ove richiesto, del Revisore Contabile, che può essere anche una società di revisione quotata nel mercato;
  4. le modificazioni dell'atto costitutivo;
  5. la decisione di aderire ad un gruppo cooperativo paritetico;
  6. la decisione di compiere operazioni che comportino una sostanziale modificazione dell'oggetto sociale o una rilevante modificazione dei diritti dei soci;
  7. la nomina dei liquidatori e i criteri di svolgimento della liquidazione;
  8. la misura dei compensi annuali da corrispondere agli amministratori per la loro attività collegiale, ove la carica non sia gratuita;
  9. i compensi dei sindaci per il triennio della loro carica e/o del revisore contabile o della società di revisione;
  10. l'approvazione dei regolamenti interni;
  11. le deliberazioni sulla responsabilità degli Amministratori;
  12. le deliberazioni su tutti gli altri oggetti attinenti alla gestione sociale riservati alla sua competenza dal presente statuto o sottoposti al suo esame dal consiglio di amministrazione.

Le decisioni di competenza dei soci sono assunte mediante deliberazione assembleare, con le modalità previste dall'articolo 2479-bis del codice civile.

Torna all'inizio

Art. 27 - Convocazione
L'assemblea deve essere convocata dall'organo amministrativo almeno una volta all'anno, e in più quando lo richiedono tanti soci che rappresentino almeno 1/10 (un decimo) del capitale sociale, facendone domanda scritta agli Amministratori.

In quest'ultimo caso, la convocazione deve avere luogo senza ritardo e comunque non oltre venti giorni dalla data della richiesta.

La convocazione su richiesta dei Soci non è ammessa per argomenti sui quali l'Assemblea delibera, a norma di legge, su proposta dell'organo amministrativo o sulla base di un progetto o di una relazione da esso predisposta.

La convocazione dell'Assemblea deve effettuarsi mediante lettera raccomandata A.R. o mediante altro mezzo idoneo ad assicurare la prova dell'avvenuto ricevimento (fax, e-mail, affissione in bacheca, convocazione telefonica, etc.), inviata 8 giorni prima dell'adunanza, contenente l'ordine del giorno, il luogo, la data e l'ora della prima e della seconda convocazione, che deve essere fissata in un giorno diverso da quello della prima. La cooperativa può adottare anche altre modalità, in grado di assicurare la tempestiva informazione sugli argomenti da trattare.

In mancanza dell'adempimento delle suddette formalità, l'Assemblea si reputa validamente costituita quando siano presenti o rappresentati tutti i soci con diritto di voto e siano presenti, o informati della riunione, tutti gli Amministratori e i Sindaci effettivi, se nominati. Tuttavia, ciascuno degli intervenuti può opporsi alla discussione degli argomenti sui quali non si ritenga sufficientemente informato.

Torna all'inizio

Art. 28 - Costituzione e quorum deliberativi
In prima convocazione l'Assemblea è regolarmente costituita quando siano presenti o rappresentati la metà più uno dei voti dei soci aventi diritto al voto.

In seconda convocazione l'Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti o rappresentati aventi diritto al voto.

L'Assemblea delibera a maggioranza assoluta, ad eccezione dei casi previsti dai numeri 4, 6 e 7 del precedente articolo 26, per i quali è necessario il voto favorevole della maggioranza assoluta dei soci aventi diritto al voto.

Nelle elezioni delle cariche sociali risultano nominati coloro che riportano un numero maggiore di voti.

I soci dissenzienti sulle deliberazioni relative al sostanziale cambiamento dell'oggetto sociale, allo scioglimento anticipato della società e alla trasformazione del tipo di società, hanno diritto di recedere dalla società e ottenere il rimborso della quota sociale risultante dal bilancio dell'esercizio in corso al momento in cui è presa la deliberazione, secondo le modalità descritte nell'articolo 11 del presente statuto.

Torna all'inizio

Art. 29 - Votazioni
Per le votazioni si procederà attraverso votazione palese; sono escluse, pertanto, le votazioni a scrutinio segreto.

Le modalità di votazione palese potranno essere definite da regolamento interno.

Torna all'inizio

Art. 30 - Voto
Nelle Assemblee hanno diritto al voto coloro che risultino iscritti nel libro dei soci da almeno 90 giorni.

Ciascun socio ha un solo voto, qualunque sia l'ammontare della sua partecipazione.

Ogni socio avente diritto di intervenire all'assemblea può farsi rappresentare da altro socio (che non sia amministratore, sindaco, revisore, dipendente della società) e, in tal caso, si applicano le disposizioni di legge. Ogni socio non può rappresentare più di un altro socio.

La delega dovrà avere forma scritta e potrà essere rilasciata anche in calce all'avviso di convocazione.

La delega non può essere rilasciata con il nome del rappresentante in bianco.

Per i soci speciali si applica l'articolo 6 del presente statuto.

Torna all'inizio

Art. 31 - Presidenza dell'Assemblea
L'Assemblea è presieduta dal presidente dell'Organo amministrativo ed, in sua assenza, dal vicepresidente, ed in assenza anche di questi, dalla persona designata dall'Assemblea stessa, col voto della maggioranza dei presenti.

Essa provvede alla nomina di un segretario, anche non socio. La nomina del segretario non ha luogo quando il verbale è redatto da un notaio.

Torna all'inizio

Art. 32 - Consiglio di Amministrazione
La cooperativa è amministrata da un consiglio di amministrazione composto da tre fino a nove membri, su decisione dei soci in sede di nomina.

L'amministrazione della cooperativa può essere affidata anche a soggetti non soci, purché la maggioranza del consiglio di amministrazione sia scelta tra i soci cooperatori.

Gli amministratori restano in carica per tre esercizi.

Gli amministratori possono essere rieletti, con un massimo di tre mandati consecutivi.

La cessazione degli amministratori per scadenza del periodo determinato dai soci ha effetto dal momento in cui il nuovo organo amministrativo è stato ricostituito.

Il consiglio di amministrazione elegge fra i suoi membri un presidente e un vicepresidente.

Le decisioni degli amministratori devono essere trascritte senza indugio nel libro delle decisioni degli amministratori.

Il consiglio di amministrazione è convocato dal Presidente tutte le volte nelle quali vi sia materia su cui deliberare ovvero quando lo richiedano 1/3 (un terzo) degli amministratori.

La convocazione, recante l'ordine del giorno, la data, il luogo e l'ora della riunione, deve essere spedita a tutti gli amministratori, sindaci effettivi e revisore, se nominati, con qualsiasi mezzo idoneo ad assicurare la prova dell'avvenuto ricevimento, almeno tre giorni prima dell'adunanza e, in caso di urgenza, almeno un giorno prima.

 Le adunanze del consiglio di amministrazione e le sue deliberazioni sono valide, anche senza comunicazione formale, quando intervengono tutti i consiglieri in carica ed i sindaci effettivi, se nominati.

Le riunioni del consiglio sono presiedute dal presidente o, in caso di sua assenza, dal vicepresidente; in caso di loro assenza il consiglio elegge un presidente tra i consiglieri intervenuti. Il presidente sarà assistito da un segretario da esso nominato che può essere anche persona estranea alla società, se invitata a partecipare alla riunione.

Alle riunioni del consiglio di amministrazione possono partecipare, in qualità di invitati, con parere consultivo, i soci cui sono conferite specifiche procure o che siano responsabili degli specifici settori dell'attività della cooperativa.

Per la validità delle deliberazioni del consiglio di amministrazione è necessaria la presenza effettiva della maggioranza dei membri in carica; le deliberazioni sono prese con la maggioranza assoluta dei voti dei presenti. In caso di parità dei voti, la proposta si intende respinta.

Per il computo della maggioranza, gli astenuti non si calcolano fra i votanti.

Delle deliberazioni della seduta si redige un verbale, firmato dal presidente e dal segretario, se nominato, il quale deve essere trascritto nel libro delle decisioni degli amministratori.

Il consiglio di amministrazione ha tutti i poteri per l'amministrazione della cooperativa. In sede di nomina possono, tuttavia, essere indicati limiti ai poteri degli amministratori.

Torna all'inizio

Art. 33 - Competenze e poteri
Il consiglio di amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione della società e gli sono conferite tutte le facoltà per l'attuazione degli scopi sociali ad eccezione soltanto di quelle che, per disposizione di legge o di statuto, siano riservate alla competenza dell'assemblea. Spetta pertanto, a titolo esemplificativo, al consiglio di amministrazione (e salvi solo i limiti, anche economici, eventualmente stabiliti dalla legge o dall'assemblea dei soci):

  1. convocare l'assemblea dei soci;
  2. curare l'esecuzione delle deliberazioni dell'assemblea;
  3. redigere il progetto di bilancio, corredato dalla relazione di accompagnamento o da apposite note di gestione inserite nella nota integrativa, in caso di bilancio abbreviato, e illustrare le ragioni delle determinazioni adottate con riguardo all'ammissione di nuovi soci;
  4. predisporre i regolamenti interni, da sottoporre all'assemblea;
  5. stipulare tutti gli atti e i contratti di ogni genere inerenti all'attività sociale, compresi quelli di vendita, acquisto, permuta, nonché qualsiasi operazione bancaria, purché in connessione con l'oggetto sociale;
  6. conferire procure speciali, per singoli atti o categorie di atti, anche ai dipendenti ed ai collaboratori della società;
  7. assumere e licenziare il personale della società, fissandone le mansioni e le retribuzioni;
  8. deliberare circa l'ammissione, il recesso e l'esclusione dei soci;
  9. nominare avvocati e procuratori nelle liti attive e passive davanti a qualsiasi autorità e giurisdizione e affidare a terzi incarichi professionali;
  10. deliberare l'istituzione di una sezione di attività per la raccolta di prestiti prevista dall'art. 23 del presente statuto;
  11. deliberare l'apertura di sedi secondarie, unità locali, succursali, depositi, magazzini, con determinazione delle attribuzioni specifiche con riferimento alle zone territoriali di competenza;
  12. acquistare e cedere partecipazioni al capitale sociale di altre società, enti o consorzi, purché nei limiti inderogabilmente imposti dalla legge, e ai soli fini del conseguimento dell'oggetto sociale;
  13. compiere tutti gli atti e le operazioni di ordinaria e straordinaria amministrazione, fatta eccezione soltanto per quelli che, per disposizione di legge o del presente statuto, o per deliberazione dell'assemblea dei soci, siano riservate a quest'ultima.

Il consiglio di amministrazione può affidare specifici incarichi a singoli amministratori o a un comitato esecutivo, delegando loro i necessari poteri, precisando i contenuti, i limiti e le modalità di esercizio della delega, e determinando la loro eventuale remunerazione.

Non possono essere delegati i poteri concernenti le materie indicate dall'articolo 2475, comma 5 c.c., nonché i poteri in materia di ammissione, di recesso ed esclusione dei soci. Il consiglio di amministrazione deve inoltre deliberare in forma collegiale nei casi in cui oggetto della decisione siano la remunerazione della prestazione mutualistica, il ristorno, il conferimento, la cessione o l'acquisto di azienda o di ramo d'azienda, la costituzione o assunzione di una partecipazione rilevante in altra società.

Ogni 90 giorni gli organi delegati devono riferire agli Amministratori e al Collegio sindacale sul generale andamento della gestione e sulla sua prevedibile evoluzione, nonché sulle operazioni di maggior rilievo, in termini di dimensioni o caratteristiche, effettuate dalla Cooperativa e dalle sue controllate.

Gli amministratori relazionano, in occasione dell'approvazione del bilancio di esercizio, sui criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico, con particolare riferimento alla sussistenza del requisito della prevalenza mutualistica o alle azioni che si intendono intraprendere per riacquistare il requisito stesso in caso di perdita temporanea ai sensi dell'articolo 2545-octies del codice civile. Nella medesima relazione gli amministratori devono illustrare le ragioni delle determinazioni assunte con riguardo all'ammissione di nuovi soci.

Torna all'inizio

Art. 34 - Consiglio di Amministrazione: integrazione del Consiglio
In caso di mancanza sopravvenuta di uno o più Amministratori, gli altri provvedono a sostituirli nei modi previsti dall'art. 2386 del codice civile.

Se viene meno la maggioranza degli Amministratori, quelli rimasti in carica devono ricorrere alla decisione dei soci per la sostituzione dei mancanti.

In caso di mancanza sopravvenuta di tutti gli Amministratori, il ricorso alla decisione dei soci deve essere fatto d'urgenza dal Collegio sindacale, se nominato, il quale può compiere nel frattempo gli atti di ordinaria amministrazione. In caso di mancanza del Collegio sindacale, il Consiglio di Amministrazione è tenuto a far ricorso alla decisione dei soci e rimane in carica fino alla sua sostituzione.

Torna all'inizio

Art. 35 - Consiglio di Amministrazione: compensi agli Amministratori
Spetta alla decisione dei soci determinare i compensi dovuti agli Amministratori e ai membri del Comitato esecutivo, se nominato. In presenza di amministratori investiti di particolari cariche, la remunerazione degli stessi è stabilita dal consiglio di amministrazione, sentito il parere del collegio sindacale, se nominato.

Torna all'inizio

Art. 36 - Consiglio di Amministrazione: rappresentanza
Il Presidente ed il Vice Presidente dell'organo amministrativo hanno disgiuntamente la rappresentanza legale della Cooperativa, di fronte ai terzi e in giudizio.

La rappresentanza della Cooperativa spetta, nei limiti delle deleghe conferite, anche agli Amministratori delegati, se nominati.

Il Presidente, previa apposita delibera dell'organo amministrativo, potrà conferire speciali procure, per singoli atti o categorie di atti, ad altri Amministratori oppure ad estranei, con l'osservanza delle norme legislative vigenti al riguardo.

Torna all'inizio

Art. 37 - Collegio Sindacale
Ove si verificassero i presupposti di legge di cui all'articolo 2543 c.c., comma 1, e 2577 commi 2 e 3, la cooperativa procede alla nomina del collegio sindacale, composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti dall'assemblea. Il collegio sindacale è costituito da revisori contabili iscritti nel registro istituito presso il Ministero della Giustizia.

L'assemblea nomina il presidente del collegio stesso.

I sindaci durano in carica tre esercizi e scadono alla data dell'assemblea convocata per l'approvazione del bilancio relativo al terzo esercizio della carica. Essi sono rieleggibili.

La retribuzione annuale dei Sindaci è determinata dall'Assemblea all'atto della nomina, per l'intero periodo di durata del loro ufficio, ove la carica non sia gratuita.

Non possono essere nominati alla carica di sindaco, e se nominati decadono dall'ufficio, coloro che si trovano nelle condizioni previste dall'articolo 2399 del codice civile.

Delle riunioni del collegio deve redigersi verbale, che deve essere trascritto nel libro delle decisioni del collegio sindacale e sottoscritto dagli intervenuti; le deliberazioni del collegio devono essere prese a maggioranza assoluta dei presenti.

Il sindaco dissenziente ha diritto di far trascrivere a verbale i motivi del proprio dissenso.

I sindaci devono assistere alle adunanze delle assemblee dei soci, alle adunanze del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo, se nominato.

Il collegio deve riunirsi almeno ogni novanta giorni.

I sindaci possono essere revocati solo per giusta causa e con decisione dei soci. La decisione di revoca deve essere approvata con decreto del Tribunale, sentito l'interessato.

In caso di morte, di decadenza o rinunzia di un sindaco, subentrano i supplenti in ordine di età. I sindaci restano in carica fino alla decisione dei soci per l'integrazione del collegio, da adottarsi su iniziativa dell'organo amministrativo, nei successivi trenta giorni. I nuovi nominati scadono insieme con quelli in carica.

Il collegio sindacale deve vigilare sull'osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e, in particolare, sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento.

A tal fine, i sindaci possono in qualsiasi momento procedere, anche individualmente, ad atti di ispezione e di controllo, avendo inoltre la facoltà di chiedere agli amministratori notizie, anche con riferimento a società controllate, sull'andamento delle operazioni sociali o su determinati affari. Possono scambiare informazioni con i corrispondenti organi delle società controllate in merito ai sistemi di amministrazione e controllo ed all'andamento generale dell'attività sociale.

Nell'espletamento di specifiche operazioni di ispezione e di controllo, i sindaci - sotto la propria responsabilità ed a proprie spese possono avvalersi di propri dipendenti ed ausiliari, i quali tuttavia non debbono trovarsi in una delle condizioni di ineleggibilità e decadenza previste dall'art. 2399 del codice civile. L'organo amministrativo può, tuttavia, rifiutare agli ausiliari e ai dipendenti dei sindaci l'accesso a informazioni riservate.

Torna all'inizio

Art. 38 - Controllo contabile
Il controllo contabile, ove sia previsto, è esercitato da un revisore contabile unico o da una società di revisione, a scelta dell'Assemblea dei Soci.

L'Assemblea determina l'eventuale compenso spettante al revisore o alla società di revisione per l'intera durata dell'incarico pari a tre esercizi.

L'attività di controllo contabile è documentata dall'organo di controllo contabile in un apposito libro, che resta depositato presso la sede della Società.

Ricorrendo i presupposti, di cui all'art. 2409 - bis, comma 3 del codice civile, l'Assemblea potrà affidare il controllo contabile al Collegio Sindacale, ove questo sia nominato.

In questo caso, i sindaci relazionano, in occasione dell'approvazione del bilancio di esercizio, sui criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico e alla sussistenza del requisito della prevalenza mutualistica.

Torna all'inizio

TITOLO VIII
CONTROVERSIE
Art. 39 - Clausola arbitrale
Sono devolute alla cognizione di un arbitro rituale secondo le disposizioni di cui al D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5, salvo che non sia previsto l'intervento obbligatorio del Pubblico Ministero:

  1. tutte le controversie insorgenti tra Soci o tra Soci e Società che abbiano ad oggetto diritti disponibili, anche quando sia oggetto di controversia la qualità di Socio;
  2. le controversie relative alla validità delle deliberazioni assembleari;
  3. le controversie promosse da Amministratori, Liquidatori o Sindaci, o nei loro confronti.

La clausola arbitrale di cui al comma precedente è estesa a tutte le categorie di Soci, anche non cooperatori. La sua accettazione espressa è condizione di proponibilità della domanda di adesione alla Cooperativa da parte dei nuovi Soci. L'accettazione della nomina alla carica di Amministratore, Sindaco o Liquidatore è accompagnata dall'espressa adesione alla clausola di cui al comma precedente.

L'Arbitro è scelto tra gli esperti di diritto e di settore e verrà nominato dalla Camera Arbitrale promossa dalla LegaCoop ovvero da soggetto comunque estraneo alla Società. In difetto di designazione, verrà nominato dal Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione ricade la sede legale della Società.

Nel caso in cui i soggetti designati non vi provvedano nel termine previsto, la nomina sarà richiesta, dalla parte più diligente, al presidente del tribunale del luogo in cui ha sede la società.

L'arbitro deciderà in via rituale/irrituale secondo diritto.

Resta fin d'ora stabilito irrevocabilmente che le risoluzioni e determinazioni dagli arbitri vincoleranno le parti.

Le spese dell'arbitrato saranno a carico della parte soccombente, salvo diversa decisione dell'arbitro.

Per quanto non previsto, si applicano le disposizioni del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5.

Torna all'inizio

TITOLO IX
SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE
Art. 40 - Scioglimento anticipato
 L'assemblea che dichiara lo scioglimento della Società nominerà uno o più liquidatori stabilendone i poteri.

Torna all'inizio

Art. 41 - Devoluzione patrimonio finale
In caso di scioglimento della Società, l'intero patrimonio sociale risultante dalla liquidazione sarà devoluto nel seguente ordine:

  • a rimborso del capitale sociale effettivamente versato dai soci ed eventualmente rivalutato a norma del precedente art. 22, lett. c);
  • all'assegnazione ai soci di ulteriori importi il cui valore sia pari alla quota parte delle riserve divisibili agli stessi spettante;
  • al Fondo mutualistico per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, di cui all'art. 11 della legge 31.01.92, n. 59.

Torna all'inizio

Art. 42 - Principi di mutualità, indivisibilità delle riserve e devoluzione
I principi in materia di remunerazione del capitale, di riserve indivisibili, di devoluzione del patrimonio residuo e di devoluzione di una quota degli utili annuali ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, sono inderogabili e devono essere, di fatto, osservati.

Torna all'inizio

TITOLO X
DISPOSIZIONI GENERALI E FINALI
Art. 43 - Regolamenti
Per meglio disciplinare il funzionamento interno, e soprattutto per disciplinare i rapporti tra la Società ed i soci determinando criteri e regole inerenti allo svolgimento dell'attività mutualistica, l'Organo amministrativo potrà elaborare appositi regolamenti sottoponendoli successivamente all'approvazione dell'Assemblea.

Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente statuto e nei relativi regolamenti attuativi, si applicano le disposizioni del codice civile e delle leggi speciali sulle cooperative, nonché le disposizioni in materia di società a responsabilità limitata in quanto compatibili con la disciplina cooperativistica e delle vigenti leggi in tema di ONLUS".

Torna all'inizio

Torna alla prima paginaVai al sito di altromercato
A cura di Equociquà! Cooperativa sociale ONLUS P.I. 09574201001
n. iscr. Registro Imprese di Roma e C.F.: 97420810588 - REA 1132453
Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2017
Vai al sito di Altromercato Vai al sito di Agices